Gita a Zaanse Schans per rivivere l’Olanda del passato

by Laura
0 commento

Quando si pensa all’Olanda le nostre menti viaggiano nel tempo fino agli anni in cui le persone camminavano con zoccoli di legno e utilizzavano i mulini per produrre beni o prosciugare i terreni paludosi. Nonostante siano passati secoli, con una gita a Zaanse Schans da Amsterdam è possibile rivivere le tradizioni ed ammirare gli antichi processi produttivi. 

Molti affermano che questo sito sia “ridicolo” e poco interessante (molti turisti italiani incontrati durante il viaggio l’hanno definito così). Probabilmente, la loro affermazione dipende dal fatto che le persone non producono più i prodotti come un tempo, ma sono assunte per spiegare ai turisti le tradizioni ed i processi produttivi. È vero, Zaanse Schans è un luogo molto turistico, ma ritengo che sia ingiusto bollarlo con l’appellativo “ridicolo”. Dopotutto, prima della visita a Zaanse Schans non sapevo nulla sulla produzione degli zoccoli e come fosse l’interno di un mulino, quindi la gita a Zaanse Schans non è stata così “ridicola”. 

GITA A ZAANSE SCHANS, COSA VEDERE 

Il primo edificio di Zaanse Schans che incontrerai ospita il museo e la fabbrica di cioccolato e biscotti Verkade, famosissima in tutta Olanda per la produzione dei primi biscotti confezionati. Sono buonissimi! Li puoi trovare in tutti i supermercati olandesi. Ti consiglio di iniziare la visita dal museo così da poter scoprire la storia di Zaan e del sito su cui ora si trova questo luogo. 

Proseguendo potrai scegliere l’ordine di visita a tuo piacimento. Io iniziai dai mulini. Ero molto curiosa di vederli da vicino e poterci entrare. Tra i numerosi mulini visitabili scelsi quello dedicato alla produzione delle polveri colorate utilizzate per la tintura delle stoffe. Al suo interno, il mulino ha un ingranaggio enorme. Questo macchinario è costituito da un grosso disco in pietra che ruotando schiaccia e polverizza il gesso. Il disco ruota grazie all’azione del vento che ruota le pale e che a sua volta trasferiscono il movimento ad un palo collegato al disco di pietra. Un’invenzione ingegnosa che permise fin dal principio l’uso del vento come fonte rinnovabile!  I primi mulini di Zaanse Schans furono costruiti intorno al 1500. 

Potrai continuare la visita dedicando del tempo al laboratorio del cacao ed al caseificio, che sono per lo più dei negozi. Tuttavia, al caseificio potrai degustare gratuitamente tutti i tipi di formaggio di loro produzione.  

Potrai poi proseguire per la Kalverringdijk, via del paese circondata da graziose casette. Ho amato passeggiate nelle vie secondarie del quartiere e attraversare i caratteristici ponti in ferro o in legno.

Prima di ritornare verso l’ingresso del sito non perderti il primo market Albert Heijn, che grazia alla sua fama ottenuta negli anni è divenuto un importante catena. Oggi Albert Heijn è la catena di supermercati più diffusa in tutta l’Olanda.

Affianco al piccolo market troverai il museo d’orologi. Alcuni di questi sono degni di nota e possiedono ingranaggi a tema ancora funzionanti. 

Prosegui poi verso le due casette isolate del sito dedicate alla falegnameria e alla pesca. Nella prima potrai assistere alla spiegazione della produzione di botti in legno, mentre nella seconda ti verrà spiegato come vivevano le famiglie di pescatori di Zaan e come producevano la colla di pesce.

La signora che mi accompagnò nella visita della seconda casa, raccontò che i pescatori di Zaan erano molto poveri. Ogni signora possedeva un solo abito ed un grembiule da una parte fiorato e dalla seconda in tinta unita. Questa doppia fantasia faceva sì che a seconda della stagione fosse possibile indossarlo in modo differente e lavarlo solamente una volta all’anno. In questa casa è possibile fare una foto impersonando una tipica famiglia di pescatori di Zaan. 

Ritorna verso il ponte situato dopo il museo ed entra nella casa dedicata alla produzione delle tele dei mulini. In questa casa potrai assistere alla dimostrazione della produzione delle tele ed entrare nelle stanze di una tipica casa di artigiani olandesi.  

Per concludere la gita a Zaanse Schans potrai entrare nel museo degli zoccoli di legno ed assistere alla dimostrazione sulla produzione artigianale di uno zoccolo. Prima della creazione delle macchine idonee, gli zoccoli venivano prodotti interamente a mano.  

Infine, se vorrai dedicare altro tempo a Zaanse Schans ti consiglio una passeggiata lungo i sentieri paludosi. Addentrarsi nella palude è stata l’esperienza più bella di tutta la giornata! 


L’ingresso a Zaanse Schans è gratuito, ma se vorrai entrare nei mulini, nel museo ed in altre casette per apprendere le tradizioni dovrai pagare una piccola quota. Gli ingressi più costosi sono quelli ai mulini. Se desideri vedere tutto e risparmiare, potrai acquistare all’ingresso del museo la Zaanse Schans card. Il suo costo è di 15 euro e avrete accesso a: un mulino a scelta, museo, fabbrica di cioccolato e biscotti, supermercato antico Albert Heijn, museo storico, casa di produzione delle tele dei mulini, casa di produzione delle botti, Jisper house, casa dei pescatori di Zaan, fabbrica degli zoccoli. Inoltre, la carta garantisce diversi sconti in tutti i negozi e nei ristoranti del sito. 

Zaanse Schans è facilmente raggiungibile da Amsterdam con l’autobus pubblico n. 391 con partenza dalla Stazione Centrale. In 46 minuti l’autobus ti porterà all’ingresso del sito. Ti sconsiglio di raggiungerlo con lo sprinter poiché la fermata non è vicina all’ingresso.

Ti potrebbe anche piacere

Lascia un commento