Madrid in due giorni: cosa non perdere

by Laura
2 commenti


Guida alla visita di Madrid in due giorni, ti regalerò il mio itinerario e qualche prezioso consiglio per vivere al meglio (e gratuitamente) nella capitale spagnola.

Sicuramente starai pensando: come è possibile vedere una capitale in soli due giorni? Sicuramente è impossibile vedere una città intera in un unico week-end, ma Madrid non è una città enorme e se si ama camminare, due giorni sono sufficienti per visitare gran parte dei punti d’interesse che la capitale spagnola ha da offrire.

A differenza di altri viaggi, questo itinerario non è ottimizzato, perché a causa del mal tempo abbiamo dovuto visitare il luoghi esterni durante la prima giornata il cui clima era nuvoloso e i luoghi interni il secondo giorno, in prevalenza piovoso.

Giorno 1

Madrid reale

Il primo giorno abbiamo avuto poco più di mezza giornata a disposizione così ci siamo ritrovati a percorrere tantissimi chilometri concentrati in poche ore. Il nostro appartamento era in Plaza de España così abbiamo iniziato la scoperta della città proprio da lì percorrendo a piedi la via che dalla piazza conduce ai Giardini Sabatini del Palacio Real. Seppur inverno, questi giardini hanno moltissime piante verdi che lo rendono bellissimo in ogni stagione.

Palacio Real - Giardini Sabatini

La seconda tappa della giornata è stato il Palacio Real, che abbiamo ammirato e fotografato solamente dall’esterno. Affianco al palazzo reale si trova la cattedrale reale: Catedral de la Almudena, consiglio di dedicare almeno mezz’ora alla visita perché nasconde angoli da immortalare molto caratteristici.

Centro storico di Madrid

Lasciata la cattedrale abbiamo percorso la bellissima e vivace Calle del Arenal che porta a Puerta del Sol. La piazza non mi è piaciuta particolarmente poiché suddivisa in aree dalle strade che la attraversano. Oltre al gusto, che rimane pur sempre un giudizio soggettivo, la piazza è uno dei luoghi più importanti di Madrid perché da questo punto di interesse vengono calcolate tutte le lunghezze delle strade spagnole. Per ricordare ciò è stata posata sul pavimento una bellissima pietra con incisa la scritta Km 0. Sempre nella piazza è possibile fotografare l’orso con il corbezzolo, simbolo di Madrid.

Km 0 - Puerta del Sol

Tornando indietro lungo Calle Mayor si passa per tre dei luoghi che ho preferito: Plaza Mayor (antica piazza medioevale), Mercado San Miguel (ti consiglio di non andare nell’orario di pranzo perché è troppo affollato) e Casa de la Villa.

Madrid Borbonica

Tornando a Puerta del Sol ed imboccando Calle de Alcala, si passa affianco allo sfarzoso Casino de Madrid. Continuando lungo la via si incrocia il bellissimo Metròpolis, iconico edificio di Madrid dal quale ha inizio la Gran Via. Proseguendo, si raggiunge il Banco de España e al fantastico Palacio de Comunicaciones. Continuando a camminare lungo Calle de Alcala si giunge all’omonima porta, Puerta de Alcalà. L’antico ingresso alla città è ora tristemente trasformata in una rotonda stradale. La tappa successiva è stata il Parque del Retiro. Da non perdere assolutamente sono Palacio de Velàzquez e Palacio de Cristal nascosti tra gli alberi del parco.

Palacio de Cristal

Attraversando il cancello a Sud-Est del parco e percorrendo poche vie si giunge alla fantastica stazione Atocha. La stazione ti stupirà e conquisterà perchè al suo interno ospita ben 4000 mq di foresta tropicale!

Estacion Atocha

Tre musei da non perdere

A pochi metri dalla stazione potrai entrare al Museo Reina Sofia, famoso perché custodisce la famosa “Guernica” di Picasso. Percorrendo il Paseo del Prado si giunge al Museo del Prado e al Museo Thyssen-Bornemisza (che abbiamo visitato il lunedì approfittando dell’ingresso gratuito). Uscendo dal museo del Prado abbiamo notato una piccola chiesa: Iglesia de San Jerònimo el Real. Quest’ultima non era in programma, ma la posizione sopraelevata e la sua bellezza attirano l’attenzione dei passanti. Secondo te potevamo non entrarci?

Giorno 2

Il secondo giorno è iniziato con la visita al Palacio Real. Ti consiglio vivamente di non perdere il palazzo reale perché le sue sale sono interamente arredate! La mia preferita è stata la sala dei gala, luogo di sontuosi ricevimenti attorno ad un tavolo da 145 persone. Inoltre, rimarrai estasiato dal museo delle armi nel quale sono conservate le antiche armature del rinascimento fino all’800. L’esposizione comprende anche le armature dei cavalli. Non avevo mai visto nulla di simile! In seguito, siamo andati al Monasterio de las Descalzas Reales. L’antico monastero accoglieva solamente ragazze aristocratiche e di buona famiglia. Al suo interno è ricco di affreschi e cappelle sfarzose, perché una volta presi i voti, le ragazze donavano tutta la loro dote al monastero, che in cambio consentiva loro di far costruire una cappella a loro uso esclusivo.

Shopping a Madrid

Approfittando del tempo nuvoloso e stabile, abbiamo passeggiato tra le vie del quartiere La Latina e lungo la caotica Gran Via. Lungo la passeggiata ci siamo fermati per scattare fotografie ai palazzi GrassyTelefònica e (non ci crederai) Zara. Probabilmente ti stai chiedendo la motivazione di tanto interesse per un palazzo che ospita un negozio di abbigliamento. Ebbene, mia mamma è stata una grande appassionata di Velvet e nel telefilm, Zara era la Galleria Velvet. Per concludere la giornata, ci siamo recati al Tempio Debod, il tempio egizio scoperto dagli spagnoli ed importato dall’Egitto.

https://www.flickr.com/photos/134943683@N08/32388277694/in/dateposted-public/

Il lunedì (giorno del ritorno a casa) abbiamo passeggiato per il centro gustandoci ogni via con tranquillità. Nel primo pomeriggio ci siamo rilassati nel romantico parco Campo del Moro, dal quale si gode della vista migliore su Palacio Real.

Campo del Moro

Madrid gratis

Madrid è una città economica. Organizzandosi bene è possibile visitare quasi tutti i punti d’interesse senza spendere un euro. Ecco qui un piccolo elenco con tutte le aperture gratuite:

Palazzo Reale: gratuito lunedì e giovedì dalle 18 alle 20 (aprile – settembre) e dalle 16 alle 18 (ottobre – marzo)

Museo del Prado: gratuito da lunedì a sabato dalle 18 alle 20

Monasterio de las Descalzas Reales: gratuito il mercoledì e giovedì dalle 16 alle 18:30 (la prenotazione è obbligatoria)

Museo Thyssen-Bornemisza: gratuito il lunedì dalle 12 alle 16

Museo Reina Sofia: gratuito da lunedì a venerdì dalle 19 alle 21 e la domenica dalle 15 alle 19

Tutti i luoghi non presenti in questo elenco, ma nominati nell’itinerario, sono sempre gratuiti.

Informazioni

Raggiungere la città

Il centro città è raggiungibile con la metropolitana linea 8 indicata sulla mappa con il colore rosa. Il centro è raggiungibile in circa 45 minuti. Se deciderai di visitare Madrid prima del 18 Aprile 2017 non potrai raggiungere il centro con la linea metropolitana 8, in quanto è interamente chiusa per rinnovamento delle stazioni, bensì dovrai prendere un bus gratuito che porterà alla fermata della metropolitana Mar de Cristal nel quale la linea rosa incontra la linea 4 marrone. Con quest’ultima sarà possibile raggiungere qualsiasi zona della città.

Mezzi di trasporto

Madrid, come del resto la maggior parte delle capitali europee, dispone di un’abbonamento turistico. Le zone coperte dall’abbonamento sono: zona A (che comprende tutto i centro storico e la linea dell’aeroporto) e la zona T. L’abbonamento è acquistabile per 1, 2, 3, 5 e 7 giorni.

Inoltre, gli abbonamenti includono metropolitana e bus e dato il prezzo consiglio di acquistarlo. Puoi trovare tutte le informazioni al link seguente Madrid Tourist Travel Pass. L’unica nota negativa è che qualsiasi abbonamento non ha durata di 24 ore. Infatti, indipendentemente dall’orario d’acquisto dopo la mezzanotte non sarà più valido.


Se desideri avere qualsiasi altra informazione scrivimi compilando il form del sito 🙂

Laura

2 commenti

Chiara Paglio 8 Mar 2017 - 17:38

Non pensavo si riuscisse a vedere bene Madrid in soli due giorni, ma mi devo ricredere. L’itinerario è serrato, ma bello completo. Finora ho sempre rimandato perché pensavo che un weekend non bastasse, ora invece valuterò! 🙂

Reply
Laura 12 Mar 2017 - 21:57

Ciao Chiara1 In tre giorni pieni si riesce a vedere tutto con calma 😉 Ti consiglio di farci un pensiero 🙂

Reply

Lascia un commento